Domenica l’esordio casalingo del Fila: l’intervista al capitano Monica Tonello!

10-10-2018

Serie A1

Domenica l’esordio casalingo del Fila: l’intervista al capitano Monica Tonello!

monicatonello

Loc_Fila-LuccaDopo il convincente ma sfortunato debutto dell’Opening Day, per le ragazze del Fila si avvicina il momento dell’esordio casalingo: domenica alle 18.00, il palasport di via Leonardo da Vinci ospiterà la sfida con la Gesam Gas&Luce Lucca. Uno scontro diretto importante per il quale le Lupe chiamano a raccolta tutti i loro tifosi.
In attesa di vederle esordire ufficialmente in un PalaLupe gremito, abbiamo parlato a trecentosessanta gradi con il neo capitano Monica Tonello, che ci ha raccontato le sue impressioni su questo inizio di stagione.

 
Il Fila è cambiato tanto in estate, come hai visto la squadra finora e quali sono le tue sensazioni per il campionato?
«Quest’anno la squadra è tutta nuova, è vero, ma l’ambiente è sempre lo stesso quindi ci sono tutti i presupposti per lavorare al meglio e con serenità nella famiglia Lupe. Abbiamo tutti fatto il possibile per accogliere e far sentire a casa tutte le ragazze nuove, e si sta creando sempre più un Branco coeso. Penso che anche la preseason sia stata in linea con i programmi e le aspettative dello staff tecnico, tutti stanno dando il massimo e stiamo imparando a conoscerci sul campo. C’è tanta umiltà e voglia di lavorare insieme, e penso che questa sia la base per poter costruire qualcosa di importante. Siamo consapevoli che abbiamo ancora tanto margine di miglioramento e siamo felici ogni giorno di metterci in gioco e migliorare insieme. Non vediamo l’ora di riabbracciare anche i nostri super tifosi e di lottare in campo insieme a loro».
 
C’è qualcuna delle tue compagne che ti ha stupito, in queste prime settimane di lavoro?
«Questa è una bellissima domanda, perché ognuna mi ha trasmesso qualcosa di speciale: dai consigli, alla mentalità e all’approccio ad ogni allenamento. Senza nulla togliere a nessuna, Mi sento però di nominare in particolare le nostre due americane Marshall e Webb, perché la loro umiltà e disponibilità in campo, per due giocatrici del loro valore, non sono per niente scontate. Hanno affrontato tutta la preseason con un approccio davvero encomiabile, sono sempre sul pezzo e sono di stimolo a tutte, sono le prime ad incoraggiare, le prime ad assumersi responsabilità e a non cercare alibi negli errori e ad aiutare una compagna se è in difficoltà. Chapeau».
 
Dopo Napoli, arriva subito un’altra sfida con una pretendente all’alta classifica, Lucca, che come voi ha cambiato tanto. Cosa può fare la differenza in questi scontri diretti che arrivano già alle prime partite di campionato?
«Sicuramente non è un inizio di campionato soft, ma non stiamo pensando a chi incontreremo. Stiamo affrontando ogni allenamento e ogni partita focalizzandoci sul curare e perfezionare al massimo ogni dettaglio del nostro gioco, dall’attacco alla difesa. Stiamo cercando la miglior forma possibile per farci trovare pronte, chiunque si presenti di fronte a noi. Abbiamo rispetto per tutti ma paura di nessuno. Sicuramente dovremmo dare il 200% anche per compensare l’assenza di Zenta, ma abbiamo tanto cuore e spirito di sacrificio come squadra, e nelle partite più difficili penso che questo sia un valore aggiunto fondamentale».
 
Prima stagione da capitano, come la stai vivendo?
«Essere capitano è sicuramente una grande responsabilità, perché si deve essere un esempio e un punto di riferimento costante. Essere il capitano delle Lupe, dopo due grandi capitani come Mary e Angy, è un’eredità di spessore. Affronto questo ruolo “a modo mio”, con dedizione, passione ma anche con semplicità e naturalezza, essendo semplicemente me stessa, consapevole di condividere con questa società/famiglia, sin da quando ero piccola, gli stessi valori come il senso del dovere, la cultura del lavoro, lo spirito di sacrificio, il rispetto di sé e degli altri e l’amore per questo sport. Questa società è quello che sono. Sono semplicemente la solita Monica #6 delle Lupe e mai cambierò… Forza Lupe!».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *