Fila vincente a Costa Masnaga nell’anticipo di A1, decimo successo per le Lupe

19-01-2020

Serie A1

Fila vincente a Costa Masnaga nell’anticipo di A1, decimo successo per le Lupe

MAR_BRI24580

Limonta Sport Costa Masnaga – Fila San Martino  62-70
 
BASKET COSTA MASNAGA:
Allevi 2 (1/1), Villa (0/2), Rulli ne, Balossi 2 (1/1, 0/2), Baldelli 12 (1/4, 3/9), Spinelli 7 (3/8, 0/3), Frost 9 (3/6, 1/3), Allievi (0/1), Pavel 18 (5/7, 2/4), Frustaci ne, Davis 12 (2/5, 2/5). All. Seletti.
BASKET SAN MARTINO: Fietta 13 (5/7), Filippi 9 (2/4, 1/5), Tonello (0/1, 0/1), Toffolo 6 (2/4, 0/1), Ciavarella 4 (2/3), Giordano ne, Rosignoli ne, Bjorklund 10 (2/8, 2/2), Pasa ne, Sulciute 16 (2/3, 2/5), Sandri 4 (2/6, 0/1), Ostarello 8 (2/5, 1/2). All. Abignente.
ARBITRI: Terranova di Ferrara, Pecorella di Trani (BT) e Bandinelli di Perugia.
PARZIALI: 22-19, 35-34, 48-48.
NOTE: Uscita per 5 falli: Spinelli (37′). Tiri da due: Costa Masnaga 16/35, San Martino 19/41. Tiri da tre: Costa Masnaga 8/26, San Martino 6/17. Tiri liberi: Costa Masnaga 6/11, San Martino 14/17. Rimbalzi: Costa Masnaga 32 (Frost 11), San Martino 40 (Sulciute e Ostarello 6). Assist: Costa Masnaga 17 (Davis 7), San Martino 20 (Filippi e Sulciute 5).
 
Il Fila completa il proprio tour esterno con un’altra vittoria: per le Lupe sono 6 punti sugli 8 disponibili (unica sconfitta a Schio) nelle quattro trasferte consecutive disputate nell’ultimo mese. Come una settimana fa a Battipaglia, è stata una partita tirata: le padrone di casa – pur prive dell’influenzata Rulli – sono state brave a toccare anche il +9 nel secondo quarto, ma San Martino non si è mai persa d’animo, e uscendo alla distanza è andata a prendersi un successo con cui consolidare la quarta posizione in classifica.
 
1° QUARTO. L’inizio di gara è frizzantissimo, con tre canestri sui primi tre possessi offensivi di ciascuna squadra: protagonista in particolare Pavel tra le padrone di casa, autrice di due bombe per l’8-7 dopo 2′. Ai suoi 8 punti rispondono però Sulciute (recuperata in extremis) e Ostarello con 5 a testa, e poi Filippi firma l’8-12. La reazione lombarda non tarda ad arrivare: al 7′ Davis da fuori fa 17-14, e dopo un botta e risposta Spinelli firma sulla sirena il 22-19 del 10′.
 
2° QUARTO. Nel secondo periodo Costa prolunga il minibreak con un 6-0 che le vale il massimo vantaggio sul 28-19, finché il 2+1 di Toffolo non sblocca le giallonere. Fietta e Ciavarella propiziano così il rientro, e a completare l’opera è ancora un canestro con fallo di Toffolo, per il 30-30 del 16′. Subito dopo arriva anche il bel gancio di Filippi per il sorpasso, all’interno di un parziale di 12-0. Tornando dal timeout però Costa piazza un 5-0 di risposta, e all’intervallo lungo è ancora avanti di un’incollatura: 35-34.
 
3° QUARTO. Nella terza frazione San Martino prova a riprendere il discorso: Sulciute trova benissimo il taglio di Ostarello, poi ben liberata realizza la tripla e infine serve Bjorklund per l’appoggio del 37-43. Ma la partita rimane senza un padrone, e sul 42-48 la squadra di casa infila un 6-0 che riequilibra tutto: è Frost a firmare il piazzato che manda le squadre in parità all’ultima pausa.
 
4° QUARTO. Sandri e Ciavarella provano a dare una scossa nei primi 40″ del quarto periodo, e il Fila ritrova il +6 sul 48-54. La resistenza delle padrone di casa è stoica, Baldelli e Davis restituiscono ancora il -2. Per tre volte però Fietta (9 punti nell’ultimo quarto) ripristina due possessi di distanza, e si entra negli ultimi 3′ sul 56-62. Qui è importantissima la tripla di Sulciute, perché nonostante gli ultimi generosi tentativi avversari, ora il margine è solido. A chiudere i conti è Bjorklund, e sul 62-70 il Fila può finalmente far partire i festeggiamenti. E domenica prossima, con il Geas, si torna al PalaLupe dopo più di un mese di lontananza.
 
LE ALTRE PARTITE. Bologna-Ragusa, Venezia-Palermo, Geas-Vigarano, Schio-Torino, Battipaglia-Empoli, Lucca-Broni.
Classifica: Ragusa e Schio 26; Venezia 22; San Martino 20; Lucca e Geas 16; Vigarano, Broni e Empoli 12; Palermo 10; Costa Masnaga e Torino 8; Bologna 6; Costa Masnaga 4.
 
(foto: Marco Brioschi)
 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *