Il Fila si sblocca nel secondo quarto, contro Broni le Lupe ritrovano il sorriso

01-03-2021

Serie A1

Il Fila si sblocca nel secondo quarto, contro Broni le Lupe ritrovano il sorriso

Broni-Fila_Filippi

Fila San Martino – PF Broni  81-62
 
BASKET SAN MARTINO:
Anderson 32 (7/8, 6/12), Fietta 2 (1/2, 0/1), Filippi 17 (1/5, 5/8), Tonello 1 (0/2 da tre), Pasa 7 (1/3, 0/1), Toffolo 6 (2/4), Ciavarella 2 (1/1, 0/3), Nezaj ne, Giordano, Rosignoli ne, Sulciute 12 (3/5, 1/2), Arado 2 (1/1). All. Abignente.
PALLACANESTRO BRONI:
Orazzo 17 (4/6, 2/6), Togliani 19 (4/4, 3/4), Ianezic (0/3, 0/1), Rulli 5 (1/2, 1/2), Castello ne, Roma, Parmesani 4 (2/6, 0/1), Madera 3 (0/3, 0/5), Soli 2 (1/1, 0/1), Lavezzi, Davis Reimer 12 (6/15), Capra. All. Fontana.
ARBITRI:
Morassutti di Gradisca d’Isonzo (GO), Wassermann di Trieste e Barbiero di Milano.
PARZIALI:
10-15, 40-23, 62-36.
NOTE:
Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: San Martino 17/29, Broni 18/40. Tiri da tre: San Martino 12/29, Broni 6/20. Tiri liberi: San Martino 11/14, Broni 8/13. Rimbalzi: San Martino 35 (Anderson 10), Broni 33 (Davis Reimer 7). Assist: San Martino 23 (Sulciute 7), Broni 12 (Orazzo e Soli 3).
 
A San Martino di Lupari il Fila ritrova una vittoria che fra rinvii, soste e scontri con le big mancava da oltre un mese. Le Lupe escono alla distanza contro Broni, rimediando a una partenza contratta con un grande secondo quarto, da 30-8 di parziale. Sugli scudi in particolare Jolene Anderson, alla fine top scorer dell’incontro con 32 punti, che rappresentano il suo nuovo career high nella serie A1 italiana.
 
1° QUARTO.
Polveri bagnate in avvio: il primo canestro arriva con Davis Reimer dopo più di 2′, mentre le Lupe si sbloccano solo al 4′ col bel movimento di Sulciute. È proprio lei a firmare poco dopo anche il primo vantaggio locale (5-4), in un primo quarto in cui l’attacco giallonero non riesce però mai ad entrare veramente in ritmo, nonostante il bel canestro di Fietta su assist ancora di Sulciute. Broni ne approfitta così per salire sul 7-13 coi liberi di Madera e Togliani, prima dei canestri di Filippi e della stessa Togliani che chiudono la frazione.
 
2° QUARTO.
Il secondo periodo si apre con la tripla che sblocca anche Anderson, subito imitata ancora da Filippi per il sorpasso sul 16-15. Ora il Fila pare aver trovato il ritmo giusto, lo certifica il canestro con fallo di Toffolo. Le lombarde tuttavia non si fanno cogliere impreparate, e rispondono con Orazzo, rimanendo aggrappate al match fino al 22-21 del 15′. San Martino però ha portato l’inerzia dalla sua, e nella seconda parte della frazione piazza l’allungo giusto. È ancora una Anderson in gran spolvero (per lei 16 punti nel quarto, tirando 7/9 dal campo) a propiziare il break di 18-2 che vale la fuga: all’intervallo lungo il tabellone dice 40-23.
 
3° QUARTO.
Al rientro Filippi firma la sua terza bomba per il +20 (per lei alla fine saranno 17 punti con 5 triple), dimostrando che San Martino ha l’intenzione di archiviare la pratica in fretta. E così, nonostante le risposte di un’ottima Orazzo, le Lupe allungano ancora: Ciavarella, Pasa e la stessa Anderson tengono alti i ritmi delle marcature, e quasi in chiusura di quarto Tonello firma dalla lunetta il massimo vantaggio, sul +28 del 62-34.
 
4° QUARTO.
Broni ci mette comunque l’orgoglio, e nel quarto periodo con Togliani (che ne firma 12 negli ultimi 10′) recupera parte del gap, fino a tornare a -14 (68-54 al 36′). Il Fila resta in ogni caso in controllo, ispirato ancora da Anderson (per lei anche 10 rimbalzi e 5 assist) e da una Sulciute come sempre a tutto tondo, autrice di 12 punti, 7 rimbalzi e 7 assist. Nel finale gioia anche per la sedicenne Arado: è suo il canestro che chiude la gara sull’81-62.
 
LE ALTRE PARTITE.
Bologna-Campobasso 80-68, Battipaglia-Empoli 63-91, Venezia-Sassari 111-62, Ragusa-Geas 65-52, Lucca-Schio 60-88, Costa Masnaga-Vigarano 92-60.
La classifica: Venezia 40; Schio 38; Ragusa 32; Bologna 30; Geas 28; Empoli 24; San Martino e Costa Masnaga 20; Campobasso 16; Broni 10; Lucca 8; Sassari e Battipaglia 6; Vigarano 2.
 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *