Serie A2: Crollo Fanola nell’ultimo quarto, Bolzano passa a San Martino

20-01-2019

Serie A2

Serie A2: Crollo Fanola nell’ultimo quarto, Bolzano passa a San Martino

fanola-bolzano_amabiglia

Fanola San Martino – Acciaierie Val Bruna Bolzano  44-65
 
LUPE SAN MARTINO:
Guarise 7, Vettore, Beraldo 8, Amabiglia 10, Nezaj, Boaretto, Crocetta, Milani 2, Profaiser 10, Rosignoli, Baldi 2, Pasa 5. All. Valentini.
PALLACANESTRO BOLZANO: Luppi 5, Mossong 28, Gottardi 3, Rossi 3, Mingardo ne, Zanetti 16, Consorti 4, D. Hafner 3, M. Hafner 1, Egwho 2, Rossetto. All. Pezzi.
ARBITRI: Galluzzo di Brindisi e Crudele di San Severo (FG).
PARZIALI: 17-11, 31-26, 37-37.
NOTE: Uscita per 5 falli: Baldi (33′). Fallo antisportivo: Beraldo (40′). Tiri da due: San Martino 13/32, Bolzano 11/41. Tiri da tre: San Martino 2/17, Bolzano 7/14. Tiri liberi: San Martino 12/17, Bolzano 22/30.
 
A vedere il punteggio finale, verrebbe da immaginarsi tutta un’altra partita. Invece i 21 punti di scarto con cui la Pallacanestro Bolzano ha espugnato con merito il PalaLupe (ribaltando anche il -14 dell’andata) sono maturati tutti nell’ultimo quarto, dopo tre frazioni in cui San Martino era sempre stata avanti. Un crollo verticale quello delle padrone di casa, che nel secondo tempo sono andate in confusione contro la zona delle avversarie, realizzando appena 13 punti e tre canestri dal campo in 20′.
 
Eppure l’avvio sembra suggerire una gara diversa. Partono subito forte infatti le Lupe, con un 6-0 griffato Amabiglia che obbliga coach Pezzi al timeout dopo neanche 90″. San Martino non riesce tuttavia a capitalizzare i tanti secondi possessi (5 rimbalzi offensivi di Baldi solo nel primo quarto), e al 5′ la tripla di Gottardi riporta Bolzano sull’8-6. Poi le padrone di casa aggiustano un po’ la mira: ne nasce un altro 7-0, e alla prima pausa il tabellone dice 17-11.
 
Bolzano è molto più precisa da fuori (5/10 a metà gara) che da due (2/18), ed è proprio coi canestri pesanti che rimane aggrappata al match (21-17 al 13′). E così, dal +9 le giallonere si ritrovano solo a +2 con un break di 7-0 ispirato da Mossong (26-24). Coi viaggi in lunetta le ospiti tornano anche sul 27-26, prima che la neo 15enne Guarise (7 punti nel primo tempo) fissi il risultato sul 31-26 dell’intervallo.
 
In avvio di ripresa con Profaiser e Beraldo il Fanola prova ancora ad allungare (35-28 al 24′), ma è qui che si spegne la luce. Fra triple e giochi da tre punti, l’Acciaierie Val Bruna è sempre lì: al 28′ è Zanetti a firmare il nuovo -1 sul 37-36, e sul possesso successivo Daniela Hafner riporta per la prima volta le ospiti in parità.
 
San Martino non segna più, e all’inizio del quarto periodo ancora Zanetti timbra il primo vantaggio ospite dell’incontro (37-39). L’inerzia è tutta per le ospiti, capaci con un’immensa Mossong (28 punti, 10 rimbalzi e 10 falli subiti) di toccare il +8 sul 39-47, mentre dall’altra parte Baldi esce per falli. Tra errori e palle lanciate in tribuna (ben 21 palle perse nel secondo tempo, 29 in totale) le giallonere rimangono senza segnare dal campo per oltre 12′, e tra contropiede e viaggi in lunetta Bolzano può dilagare e andarsi a prendere i due punti. Al Fanola rimangono solo i rimpianti, e la necessità di resettare tutto in vista della nuova sfida salvezza di sabato sul campo di Varese.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *