Serie A2: Fanola grandioso, super vittoria a Roma in rimonta e salvezza conquistata!

11-05-2019

Serie A2

Serie A2: Fanola grandioso, super vittoria a Roma in rimonta e salvezza conquistata!

fanola

Integris Elite Roma – Fanola San Martino  55-56
 
ELITE BASKET ROMA:
Grattarola 8, Buscaglione 5, Introna 3, Di Stazio 4, Masic 18, Kolar, Magistri 6, Moretti 2, Chrysanthidou 7, Salvucci 2. All. Pasquinelli.
LUPE SAN MARTINO: Vettore, Beraldo 9, Peserico, Amabiglia 12, Boaretto, Crocetta 3, Benato ne, Milani 7, Profaiser 2, Rosignoli, Baldi 15, Pasa 8. All. Valentini.
ARBITRI: Tammaro di Montecorice (SA) e Vastarella di Napoli.
PARZIALI: 18-9, 37-22, 44-46.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: Roma 14/47, San Martino 11/33. Tiri da tre: Roma 4/12, San Martino 10/32. Tiri liberi: Roma 15/21, San Martino 4/4.
 
Un epilogo di stagione più emozionante era difficile da immaginare per il Fanola, che conquista la salvezza nella maniera più incredibile, cioè rimontando dal -15 di metà gara e trovando la tripla della vittoria con capitan Claudia Amabiglia a 20″ dalla sirena. La seconda squadra di San Martino di Lupari si aggiudica dunque gara3 sul parquet della Elite Roma, ribalta la serie e si guadagna il biglietto per quello che sarà il suo quarto campionato di A2 consecutivo.
Proprio come le “sorelle maggiori” del Fila, anche le Lupe di coach Valentini hanno confermato di avere nel proprio dna la capacità di non arrendersi mai, centrando un traguardo fantastico per un gruppo di ragazze che hanno tutte al massimo vent’anni.
 
In avvio è Magistri a inaugurare le marcature, ma dopo una prima fase di rodaggio provano a entrare in partita anche le Lupe, che coi canestri di Baldi e Milani salgono sul 3-7 dopo 4′. L’equilibrio regna sovrano fino all’8′ (9-9), cioè fin quando la tripla di Masic ispira un parziale di 9-0 che in poco più di 2′ consegna il 18-9 alle padrone di casa.
 
È ancora una tripla di Baldi a sbloccare le giallonere in apertura di seconda frazione, ma permangono le difficoltà offensive per le ragazze di Valentini, che nel primo tempo tirano  con appena il 21% dal campo, e al 14′ scivolano a -13 sul 25-12. A metà gara San Martino avrà percentuali migliori da tre (4/15) che da due (3/17), ma sfruttando anche i viaggi in lunetta il vantaggio romano dell’intervallo è più che solido: 37-22.
 
Nel terzo quarto però la partita cambia. Il Fanola rientra col coltello fra i denti, producendo subito un 5-0 con Beraldo. Poi sono Pasa e Baldi ad accorciare ulteriormente le distanze, e a ridare fiducia alle ospiti. Roma prova a resistere con la tripla di Introna (40-31), ma le Lupe sono in ritmo: è ancora Baldi (top scorer con 15 punti) a guidare la scalata, e poi le bombe di Amabiglia e Milani valgono il clamoroso sorpasso al 29′, sul 44-46: il parziale del terzo periodo recita 24-7 per San Martino.
 
La battaglia è ancora lunga: Amabiglia risponde da fuori a Buscaglione, poi Masic impatta. La palla si fa più pesante, i canestri più stretti, e si entra negli ultimi 4′ ancora sul 49-49. A sbloccare il punteggio è un libero di Magistri, poi Pasa e Milani rispondono a Grattarola, e a 2′ dalla fine è ancora 53-53. Il finale è tutto da vivere: Grattarola segna il 55-53 entrando negli ultimi 30″, ma al rientro dal timeout Amabiglia trova subito la tripla del sorpasso. Sarà anche quella della vittoria, perché dall’altra parte le preghiere di Masic e della stessa Grattarola non vengono accolte: finisce 55-56, un risultato che vale al Fanola una salvezza straordinaria e senza dubbio meritatissima.
 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *