Serie A2: Fanola vicino all’impresa con la capolista Moncalieri

03-11-2019

Serie A2

Serie A2: Fanola vicino all’impresa con la capolista Moncalieri

Fanola

Fanola San Martino – Akronos Moncalieri  59-64
 
LUPE SAN MARTINO:
Guarise 2, Beraldo 6, Peserico, Amabiglia 13, Coccato, Nezaj, Giordano 4, Benato 6, Pasa 12, Antonello ne, Rosignoli, Toffolo 16. All. Valentini.
AKRONOS MONCALIERI: Cordola 2, Conte 3, Reggiani 5, Berrad 2, Domizi 2, Penz 6, Trucco 4, Katshitshi 6, Bosco, Grigoleit 22, Giacomelli 12. All. Terzolo.
ARBITRI: Giambuzzi di Ortona (CH) e Guercio di Ancona.
PARZIALI: 13-13, 26-33, 40-50.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: San Martino 19/38, Moncalieri 12/34. Tiri da tre: San Martino 4/14, Moncalieri 9/22. Tiri liberi: San Martino 9/19, Moncalieri 13/20.
 
Dopo due vittorie, si ferma al cospetto della capolista la serie positiva del Fanola. Ma contro Moncalieri, dominatrice fin qui del girone Nord di A2 (arrivava al match con 5 vittorie su 5, e uno scarto medio inflitto alle avversarie di quasi 20 punti), le ragazze di Valentini hanno davvero sognato il colpaccio. Non solo sono state pienamente in partita fino alla fine, negli ultimi minuti una super rimonta ha portato le Lupe ad avere in mano anche i liberi del possibile -1, con tutta l’inerzia dalla propria. Ma qualche errore nei momenti caldi – com’è comprensibile da una squadra così giovane – unito alla classe delle giocatrici ospiti, ha permesso a Moncalieri di conservare l’imbattibilità. Per San Martino si tratta comunque di una riconferma importante del valore e del cuore di questo Fanola.
 
Padrone di casa convinte dei propri mezzi fin dall’avvio: il primo canestro dell’incontro lo firma Giordano in contropiede, anche se la replica di Grigoleit è immediata. C’è grande equilibrio nella frazione inaugurale, con la lunga tedesca che realizza i primi 6 punti ospiti, e le Lupe a rispondere colpo su colpo. Sono 4 punti consecutivi di Beraldo a tenere avanti le padrone di casa sul 13-11, prima del pareggio dalla lunetta di Trucco.
 
Anche nella seconda frazione il copione rimane lo stesso: Toffolo e Benato firmano due bei canestri per il 17-15, risponde Conte da fuori. Si procede fra sorpassi e controsorpassi fino al 22-23 di Grigoleit, che apre un minibreak di 7-0 (22-28 al 17′). La reazione del Fanola non si fa attendere, ma sul 26-28 le ospiti infilano un altro 5-0 che fa male, con la bomba di Penz che giunge proprio sulla sirena per il 26-33 di metà gara.
 
Le padrone di casa rientrano comunque cariche: la bomba di Amabiglia e l’appoggio di Pasa riportano a contatto le Lupe sul 31-33. La difesa ospite però è salita di colpi, e complici alcune palle perse, il distacco si dilata di nuovo: al 26′ le triple di Giacomelli e Penz fanno toccare il massimo vantaggio alle piemontesi sul +14 (34-48). Ma è tutt’altro che finita, perché San Martino risponde ancora e con Toffolo ritrova il -8 prima della fine del quarto.
 
Dalla lunetta però la palla inizia a pesare (2/10 per le giallonere ai liberi dal 29′ in poi), e dall’altra parte Grigoleit e Giacomelli puniscono da fuori (44-58 al 35′). Ancora Toffolo (16 punti, 12 rimbalzi e 3 stoppate) prova a tenere vive le speranze finalizzando il lavoro della squadra, e con 8 punti consecutivi restituisce di nuovo il -8. Il pubblico ci crede, il Fanola anche: dopo un 1/9 di squadra da tre nei primi tre quarti, Amabiglia da fuori realizza il 53-58, e poi si ripete con la bomba del 57-60 a 2’25” dalla fine. La difesa si batte con coraggio, ma altri due errori ai liberi sul -3 pesano: punisce ancora Grigoleit con il 57-62. Il piazzato di Benato tiene vivo il sogno, ma a chiuderla è di nuovo la giocatrice tedesca. Finisce 59-64, ma a fine gara ci sono applausi per tutti.
 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *