Serie A2: Il Fanola sogna il colpaccio a Crema, ma cede nel finale

06-01-2018

Serie A2

Serie A2: Il Fanola sogna il colpaccio a Crema, ma cede nel finale

fanola

Tec-Mar Crema – Fanola San Martino  77-68
 
BASKET TEAM CREMA: Nori 11, Visigalli ne, Togliani 5, Mandelli 20, Capoferri 7, Benic ne, Caccialanza 14, Parmesani 6, Cerri ne, Rossi, Rizzi 14, Moro. All. Maccarana.
LUPE SAN MARTINO: L. Fietta ne, Beraldo 6, M. Busnardo 8, Amabiglia 6, Boaretto 2, Brutto 11, Crocetta 12, Nezaj, Milani 5, Profaiser 7, Meroi, Baldi 11. All. Valentini.
ARBITRI: Sciliberto di Messina e Giordano di Gela (CL).
PARZIALI: 26-16, 42-38, 60-55.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Tiri da due: Crema 18/38, San Martino 21/45. Tiri da tre: Crema 9/24, San Martino 5/11. Tiri liberi: Crema 14/23, San Martino 11/19.
 
Un volitivo Fanola deve lasciare i due punti a Crema, al termine di una gara equilibrata e combattuta. Nella prima del loro 2018 le ragazze di coach Valentini, seppur prive di Fietta e Scappin, ci hanno creduto e hanno sfiorato il colpaccio su uno dei campi più difficili della A2, salvo poi dover alzare bandiera bianca nel finale.
 
L’avvio di gara è equilibrato (7-6 dopo 2′), ma col passare dei minuti sono le padrone di casa a prendere le redini dell’incontro. Grazie a delle ottime percentuali di tiro (9/15 complessivo nel primo quarto), Crema allunga fino a toccare il +11 con Nori: 19-8 al 6′. Baldi e Beraldo provano a scuotere le giallonere, che però alla prima pausa sono sul -10 con già 26 punti subiti.
 
Il secondo quarto si apre tuttavia con 4 punti consecutivi di Martina Busnardo, al ritorno ufficiale sul parquet quasi un anno dopo il grave infortunio al legamento del ginocchio. È proprio lei a rimettere in ritmo l’attacco del Fanola, e grazie anche a una difesa più attenta al 16′ arriva il sorpasso (32-33), firmato da Crocetta con due bombe in meno di un minuto. La reazione delle padrone di casa è tuttavia immediata, e all’intervallo lungo la Tec-Mar è ancora avanti sul 42-38.
 
San Martino però è pienamente in partita, e lo dimostra anche nel terzo periodo, ritrovando la parità con Milani a quota 44. Brutto risponde a Caccialanza, Boaretto trova un canestro importante e poi è Amabiglia a firmare il nuovo sorpasso sul 51-52. Nella parte finale della frazione arriva un altro controbreak di Mandelli e compagne, e all’ultima pausa il tabellone dice 60-55.
 
Nel quarto periodo il Fanola torna ancora a -1, prima con Busnardo e poi con Profaiser, ma dall’altra parte Crema non vuole mollare. Quello che si rivelerà il break decisivo arriva solo negli ultimi minuti: ancora Mandelli (top scorer con 20 punti) ispira un 7-1 che vale il +8 alle padrone di casa (72-64 al 37′), un gap che nonostante gli sforzi le giallonere non riusciranno più a recuperare.
Sabato prossimo le ragazze di coach Valentini chiuderanno il girone di andata, in casa contro il Sanga Milano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *