Una buona stagione per l’Echosline: il pensiero del Coach

19-05-2014

Serie C

Una buona stagione per l’Echosline: il pensiero del Coach

seriec

E’ terminata la stagione della serie C, eliminata al secondo turno dei playoff da Venezia. Una serie che anche al completo sarebbe stata molto complicata da vincere, ma che avremmo voluto e forse potuto onorare meglio di come è stato.
Terminare le partite al palazzetto con una vittoria avrebbe dato un sapore più dolce al nostro campionato, invece quest’ultima partita è stata lo specchio di come siamo. Un gruppo di ragazze che gioca e si batte con coraggio anche contro gente più grossa o più veloce, che saMichele Parolin inventare e creare una bella pallacanestro, ma che ahimè a volte si scorda che il gioco è fare canestro.
Con Venezia zero percento da tre e media comica dai tiri liberi, diremmo brave ma sfortunate, da tre giornata storta dopo l’inutile sbornia di gara1, ma i tiri liberi mandati in discarica sono un peccato grave.

Comunque onore a tutte le nostre, hanno superato assenze infortuni e acciacchi di ogni tipo, caviglie menischi rotule legamenti spalle tibie metacarpi (!!), un trattato di ortopedia più che una squadra da playoff.
Eppure ci siamo arrivate, non tutte sane e non tutte abili, li abbiamo giocati e non solo, il turno vinto in due gare con il Cadelfa e’ certamente il miglior ricordo che lasciamo quest’anno, una fantastica gara1 e una gara2 strappata nel finale ma sempre condotta nel gioco.
Stagione comunque ricca di storie e di momenti emozionanti. I ricordi più belli sono le tre vittorie ai supplementari con Venezia Reyer e Cadelfa che hanno l’impronta della grande squadra che potevamo essere, poi le ignobili cadute con Olimpia e Treviso i buchi neri di quest’anno, ma anche l’eroica gara con Conegliano con più ragazze in tribuna che in campo a giocare.

E le trasferte lunghe corte o lunghissime al seguito dei nostri avventurosi dirigenti Brotto e Scapin, lo Scapin magnifico scoutista e il Brotto geniale capofila nei lunghi e tortuosi viaggi, perle rare la rotonda presa contromano, la piazzola di sosta scambiata per casello e le uscite mancate delle tangenziali, due umanissime persone ingranaggi insostituibile della nostra annuale scampagnata.
Un saluto a tutti, anche al collega col kindle in panchina, acculturato millantatore o futuro intellettualeradicalchiccoach?

Michele Parolin