L’Alama San Martino di Lupari scopre un’altra carta, annunciando un nuovo nome del roster 2024/25. Il secondo slot a disposizione per atlete straniere comunitarie sarà occupato da Anne Simon, 24enne guardia in arrivo dal mondo del College USA, ma di nazionalità europea: Simon sarà infatti la prima atleta del Lussemburgo nella storia del club giallonero.

Originaria della cittadina di Sandweiler, dove è nata il 29 gennaio 2000, dopo gli inizi in patria si trasferisce negli States nel 2019, per frequentare l’Università. Con le Maine Black Bears vivrà cinque stagioni ad alti livelli nella America East Conference, NCAA Division I. Titolare fin dal primo anno, chiuderà il campionato da Freshman con medie di 13 punti, 5 rimbalzi e 2 assist, e anche con l’importante premio di Rookie dell’anno.

Numeri riconfermati nella stagione successiva, e migliorati in quella da Junior: il suo terzo anno al College farà registrare infatti 16 punti, 5 rimbalzi e quasi 3 palloni rubati a partita, con performance che le permetteranno di portarsi a casa due titoli prestigiosissimi come quello di Giocatrice dell’anno e Difensore dell’anno per la America East Conference.

Dopo un quarto anno in cui è costretta a saltare 16 partite per due infortuni, ma chiuso in grande crescendo con 21 punti di media nelle ultime quattro gare, si conferma anche nella scorsa stagione, la migliore dal punto di vista statistico: per lei medie di 18.9 punti (prima in tutta la Conference), 7.2 rimbalzi (terza), 3.2 assist (quarta) e 2.5 recuperi, con il 32% da tre e l’80% dalla lunetta. Per la seconda volta viene premiata come Giocatrice e Difensore dell’anno, e guiderà la squadra alla vittoria della Conference e alla partecipazione al Torneo NCAA. Solo pochi giorni fa è stata inoltre nominata per il premio di Donna dell’anno dalla stessa AEC.

Tiratrice mancina, ha concluso la sua carriera con le Black Bears come quinta marcatrice nella storia dell’Ateneo, decima rimbalzista, quinta per recuperi. Al di fuori del campo, nel frattempo, si è laureata in Psicologia, guadagnandosi diversi riconoscimenti per meriti accademici. Nel 2023 Simon, che parla ben quattro lingue, è stata insignita del prestigioso premio “M” Club Dean Smith, assegnato annualmente dall’Università del Maine all’atleta che maggiormente si è distinta sia in ambito sportivo che accademico.

Membro fin da giovanissima della Nazionale lussemburghese, ha partecipato a diversi eventi giovanili tenendo sempre ottime statistiche. Con la Nazionale senior ha già preso parte a due Campionati Europei dei Piccoli Stati: nel 2018, a soli 18 anni, ha firmato quasi 9 punti di media nella corsa conclusa con l’Argento, mentre nel 2021 il Lussemburgo ha vinto l’Oro e lei è stata MVP dell’evento, timbrando 13.5 punti, 4 rimbalzi, 1.8 assist e altrettanti recuperi di media.

Pronta al ritorno in Europa per la sua prima stagione in Italia, Simon sarà a San Martino di Lupari già giovedì: anche lei infatti, insieme a Tina Cvijanovic e Beatrice Del Pero, sarà presentata ai tifosi gialloneri in occasione dell’incontro in programma alle 18.30 al palazzetto dello sport, con ingresso libero.