Domenica al PalaLupe, in occasione della partita di A1 tra Fila San Martino e Fixi Piramis Torino che sarà anche trasmessa in diretta su Sportitalia a partire dalle 18.00, si terrà uno speciale gemellaggio “sportivo-giuridico-forense” tra Jusport Padova e Lupebasket, un’iniziativa promossa dagli avvocati Paolo Martelli ed Enzo Conte. Dopo l’incontro seguirà una cena al “Casoname” di Castello di Godego, con presentazione di Pierluigi Basso.

 
Riceviamo e pubblichiamo:

Come annunciato, domenica 19 febbraio alla partita Fila San Martino-Fixi Piramis Torino valevole per la 7^ giornata di ritorno del Campionato di Serie A1 di Basket Femminile, al Palasport di San Martino di Lupari alle ore 18 si tiene l’atteso e speciale “gemellaggio giuridico-sportivo” fra “Jusport Padova-Sezione Ciclismo” e Lupebasket, in coincidenza con il festoso rientro casalingo dopo la doppia consecutiva impresa in trasferta e prime vittorie in assoluto contro le “corazzate” del Ragusa e del top-team europeo campione tricolore Famila Schio, che richiamerà sugli spalti il pubblico delle grandi occasioni e la serata allietata dalle sgargianti coreografie delle pattinatrici del “Roller Club Luparense”.
La brillante idea è partita dagli avvocati, presenza fissa in tribuna alle partite giallonere, Paolo Martelli di Galliera Veneta (noto appassionato ed esperto sportivo e dello staff-dirigenziale quale consulente-legale AS San Martino) e Enzo Conte di Padova (sanmartinaro, dirigente federale nazionale, socio-fondatore dal 1998 della Aimanc-Associazione Italiana Magistrati Avvocati Notai Ciclisti, a lungo legale del Calcio Padova incarico proseguito dal socio di studio Simone Perazzolo), poliedrici sportivi e soprattutto provetti ciclisti, che tramite l’associazione “Jusport” hanno radunato un gruppo di associati di varie discipline, che dapprima assisteranno in contatto diretto dal parterre-sud del parquet allo spettacolare match al Palasport di Via Leonardo da Vinci a San Martino di Lupari contro il blasonato team del capoluogo piemontese (ritornato la scorsa stagione dopo 32 anni nella massima serie e già tricolore-europeo 79/80, in cui militò la fuoriclasse cittadellese classe ’56 Chiara Guzzonato con 114 presenze azzurre, tra cui Olimpiadi, Mondiali, Europei) e poi convenendo tutti assieme alla festosa cena (riservata alla squadra, staff tecnico-dirigenziale, familiari, ospiti) all’Agriturismo “Al Casoname” della vicina Castello di Godego (Treviso).
Ad oggi hanno aderito i seguenti iscritti: Paolo Martelli, Enzo Conte, Carlo Mursia, Enrico Poggi, Samuel Lorenzetto, Francesco Proto, Cesare Trinchieri, Stefano Malfatti, Alessandro Gotti, Enrico Toson, Federico Pampaloni, Andrea Valerio, Fabiola Peruzzo, Claudio Todesco, Piergiorgio Forlin, Francesco Grasselli, con l’originale iniziativa sportivo-forense, unica nel suo genere, che sarà presentata da Pierluigi Basso, andando a rafforzare le sinergie interdisciplinari da tempo sorte e sviluppate con molteplici società, gruppi, atleti, campioni e personaggi dello sport, per diffondere le rispettive attività con un ampio e reciproco traino e interscambio di pubblico, tra cui ad esempio spicca l’AS Cittadella, che ha visto spesso l’ammirata presenza di alcune giocatrici allo Stadio Tombolato e “madrine” a varie feste granata.
Da ricordare che la scorsa stagione 2015/2016 ci fu una pregevole anticipazione di questo “gemellaggio”, quando il 10 gennaio 2016 alla vittoriosa partita Fila-Napoli assistette il Magistrato Giuseppe De Rosa, nato a Napoli e residente a Padova (già Giudice prima al Tribunale di Padova e poi alla Corte d’Appello di Venezia e attuale Presidente Sezione Corte Appello Trieste e che il 19 ottobre 2015 ottenne l’annuale Premio Grand Prix “Sport-Cultura”), appassionato del Diritto Sportivo e di vari sport tra cui ottimo ciclista e con un incontro di veri valori sportivi (all’epoca di stampo tutto veneziano) nel dopo-partita sul parquet con la fuoriclasse veneziana classe 80 Angela Gianolla (foto allegata).
Basso illustrerà la associazione giuridico-sportivo patavina con una breve presentazione degli ospiti forensi e delle loro molteplici pratiche sportive, specie ciclistiche ed estese a varie discipline, e poi con la spettacolare passerella delle splendide atlete giallonere.
In particolare, Jusport è una parola che significa “sport (nel) diritto” con il pregevole logo coniato a Padova quando è nata questa associazione sportiva circa 40 anni fa, che comprende calcio, ciclismo, rugby, podismo, tennis e altro ancora con importanti risultati conseguiti in varie competizioni, che prevedono la partecipazione di pari Organismi di sportivi forensi.
I togati delle varie discipline si identificano in questa associazione e nelle rispettive sezioni di cui fanno parte: attualmente nel tennis lo “Jusport Padova” è campione d’Italia come in passato nel calcio con belle vittorie nazionali.
La parola “Jusport” è stata poi ripresa da varie associazioni sportive degli altri Tribunali, sorgendo così con successo in alcune sedi territoriali (Jusport Bassano, Vicenza, Verona…).
A Padova il Presidente è l’avv. Mario Martinelli (con studio anche a Cittadella con il padre avv. Giambattista) che porterà il saluto del Gruppo Sportivo e dopo un decennio di euforia, finita l’era d’oro del calcio (con partecipazione anche al Mundialito in Sudamerica) l’associazione ha avuto un periodo di stasi, ripartendo con forza quest’anno specie su impulso del ciclismo, tennis, rugby.
L’associazione (con proprio statuto, consiglio direttivo, sede sociale), si occupa inoltre anche di aspetti socio-culturali organizzando viaggi esteri con visita a colleghi d’Europa, con i quali viene organizzato anche un concomitante evento sportivo.
Indubbiamente si tratta di una “liaison” di particolari valori propedeutici, con la regia organizzativa degli avvocati Martelli e Conte, di notevole riscontro per l’AS San Martino 1979 del presidente Vittorio Giuriati e del presidente-onorario-fondatore Francesco Cordiano, con un ente sportivo legato a una antica e nobile professione, quale quella degli organismi legali, a servizio e tutela dell’ordine giuridico e dei sovrani principi della giustizia e ideali etico-morali della società, oltrechè di sostegno al team guidato dall’head-coach friulano Gianluca “Larry” Abignente per mantenere il 4° posto-playoff (attuale testa-testa con il Napoli) alle spalle delle “tre super-sorelle” Lucca, Schio, Venezia (“derbyssimo” casalingo con la Reyer domenica 12 marzo).
“E’ una insolita idea di gemellaggio interdisciplinare, tra basket e ciclismo togato – dice l’avvocato Paolo Martelli nella doppia veste di dirigente AS San Martino e membro Jusport – nata per fare conoscere la nostra bella realtà societaria oltre i confini del territorio, a cui spesso non viene attribuito il giusto risalto dei media di massa, oltre a suscitare curiosità e partecipazione al mondo del basket femminile ricco di allori nel panorama sportivo italiano”.
“Dopo la doppia consecutiva impresa esterna a Ragusa e sabato scorso a Schio con le tricolori e fra i top-team europei del Famila – conclude l’avvocato Enzo Conte- ci incontriamo assieme a una squadra di alto livello del cui gemellaggio dobbiamo andare fieri e parteciperemo con entusiasmo sia al palasport di S.Martino di Lupari per la partita dal parterre in campo e poi per la cena dove ci sarà il reciproco incontro di presentazione dei due gruppi per un importante momento di valori sportivi e una iniziativa finora unica nel suo genere”.