O.ME.P.S. Battipaglia – Alama San Martino 91-76
 
POLISPORTIVA BATTIPAGLIESE: Seka 15 (5/5, 1/1), Potolicchio 11 (1/2, 3/6), Mini ne, Chiapperino ne, Yurkevichus 7 (3/5, 0/1), Policari (0/2 da tre), Smorto 10 (3/6), Chiovato ne, Johnson 24 (8/15, 1/1), Milani (0/2), Domenger 6 (1/6, 0/2), Ferrari Calabro 18 (0/2, 6/10). All. Conte.
BASKET SAN MARTINO: D’Alie 9 (3/10, 0/6), Guarise 7 (2/4, 0/1), Conte 13 (3/4, 1/6), Turcinovic 2 (1/4, 0/2), Soule 10 (3/7, 0/1), Pilatone ne, Russo 8 (1/3, 2/7), Arado 14 (7/13, 0/1), Vente 13 (5/10), Kostowicz ne. All. Piazza.
ARBITRI: Ferretti di Nereto (TE), Cappello di Porto Empedocle (AG) e Frosolini di Grosseto.
PARZIALI: 13-24, 37-44, 66-59.
NOTE: Uscite per 5 falli: Soule (36′), Policari (40′). Fallo antisportivo: Policari (13′). Tiri da due: Battipaglia 32/66, San Martino 25/55. Tiri da tre: Battipaglia 11/23, San Martino 3/24. Tiri liberi: Battipaglia 16/20, San Martino 17/22. Rimbalzi: Battipaglia 54 (Johnson 14), San Martino 34 (Russo 7). Assist: Battipaglia 15 (Ferrari Calabro 5), San Martino 7 (D’Alie 4).
 
L’Alama torna con una sconfitta dalla lunga trasferta di Battipaglia, giunta al termine di una gara che le giallonere avevano interpretato bene all’inizio, toccando addirittura un vantaggio di 19 lunghezze nel secondo quarto. Poi però i problemi di falli nel settore lunghe, già falcidiato dalla pesante assenza di Kostowicz, hanno mandato fuori ritmo le giallonere, costrette a rinunciare pure a Turcinovic per un problema fisico. Battipaglia è andata così a prendersi la seconda vittoria casalinga consecutiva, trovando un apporto prezioso della new entry Smorto e approfittando del dominio a rimbalzo (54-34) e da dietro l’arco (47% contro 12%).
 
1° QUARTO. L’avvio è contrassegnato dall’equilibrio, fra un botta e risposta dopo 2′ le padrone di casa sono avanti 7-6. San Martino però è brava a sfruttare il buon lavoro in difesa per segnare in contropiede con le lunghe: sono tre canestri di fila di Vente e Arado a produrre il primo minibreak, sul 7-12 del 4′. È ottima l’intensità delle giallonere, brave a recuperare palloni a grappoli: il break sale fino al 14-0, per il vantaggio in doppia cifra sul 7-20 (7′) con il gioco da tre punti di Conte. Poi Ferrari sblocca le campane, ma San Martino ha un ottimo apporto anche dalla panchina, e alla prima pausa conduce 13-24.
 
2° QUARTO. Le accelerate giallonere fanno male: i piazzati di Arado e Russo, insieme al gran lavoro sulle linee di passaggio di Soule, permettono di allungare ancora, toccando il massimo vantaggio sul 17-36 del 13′. Intanto però il ritmo della gara è spezzato dai tanti fischi arbitrali, e coach Piazza deve fare i conti coi tre falli a testa di Soule e Vente nel settore lunghe. Battipaglia prova allora a prendere coraggio attaccando il centro dell’area con Johnson. È proprio coi liberi che l’americana riporta lo scarto sotto le 10 lunghezze, firmando il 32-40 al 18′. Dall’altra parte Arado (10 punti nel primo tempo, ma già tre falli anche per lei) sblocca le sue dopo 5′ di siccità dal campo, ma ancora dalla lunetta Smorto realizza il 37-44 di metà gara.
 
3° QUARTO. È un rientro difficile per l’Alama, a cui subito viene fischiato il quarto fallo di Soule (resterà in campo solo 19′, con un plus/minus di +6 nei minuti sul parquet), mentre con un 5-0 la O.ME.P.S. ritrova il -2. Ora l’inerzia è tutta per le padrone di casa: ancora Johnson, servita con continuità, firma la parità a quota 46, e chiuderà con una doppia doppia da 24 punti e 14 rimbalzi. Poco dopo la rimonta è completata con Smorto, mentre San Martino continua a soffrire nel tiro da fuori. Piove anche sul bagnato per le ospiti, che a causa di un problema fisico perdono Turcinovic. In casa O.ME.P.S. invece Ferrari è indiavolata, altri due canestri pesanti (6 triple alla fine per lei) valgono l’allungo sul 64-53. Vente prova a rimettere in ritmo le sue, riportandole a -5 con un minibreak di 6-0, ma il quarto si conclude con un parziale di 29-15, per il 66-59 campano.
 
4° QUARTO. San Martino prova ancora a riavvicinarsi, ma l’attacco di Battipaglia è ormai in ritmo e risponde colpo su colpo. Altre due bombe di Potolicchio e Seka (11/23 da tre per le padrone di casa, contro il 3/24 ospite) restituiscono il +10 sul 74-64 al 33′. Nel finale le giallonere escono mentalmente dalla partita e sull’onda dell’entusiasmo Battipaglia allunga, andando a prendersi una meritata vittoria.