Alama San Martino – Banco di Sardegna Sassari 78-73
 
BASKET SAN MARTINO: D’Alie 12 (5/6, 0/3), Guarise 4 (2/2), Tau ne, Conte 16 (3/5, 2/5), Turcinovic 11 (3/4, 1/5), Soule 17 (6/9, 0/3), Pilatone ne, Russo 3 (0/3, 1/4), Arado 7 (3/5), Diakhoumpa ne, Vente 8 (2/5, 1/1), Kostowicz ne. All. Piazza.
DINAMO SASSARI: Raca 11 (3/7, 1/2), Carangelo 24 (3/7, 4/9), Toffolo 6 (3/3, 0/2), Crudo 8 (4/6), Kaczmarczyk 9 (2/2, 0/2), Hollingshed 7 (2/4, 1/1), Joens 6 (3/4, 0/1), Spiga Trampana ne, Zoncu ne, Togliani 2 (1/2, 0/1). All. Restivo.
ARBITRI: Dionisi di Fabriano (AN), Ferretti di Nereto (TE) e Pellicani di Ronchi dei Legionari (GO).
PARZIALI: 18-15, 34-40, 58-56.
NOTE: Uscita per 5 falli: Soule (38′). Fallo antisportivo: D’Alie (15′). Fallo tecnico: Turcinovic (23′), Piazza (23′), Raca (26′). Tiri da due: San Martino 24/39, Sassari 21/35. Tiri da tre: San Martino 5/21, Sassari 6/18. Tiri liberi: San Martino 15/24, Sassari 13/21. Rimbalzi: San Martino 32 (Soule e D’Alie 6), Sassari 31 (Toffolo 6). Assist: San Martino 13 (D’Alie 7), Sassari (Carangelo and Hollingshed 3).
 
Si chiude con un gran bel sorriso la stagione regolare dell’Alama San Martino, che aggiudicandosi lo scontro diretto con Sassari strappa l’ultimo pass per i playoff Scudetto di Techfind Serie A1 femminile. Lo fa al termine di una gara bella e combattutissima, risolta solo in volata, con un grande pubblico che ha trascinato le ragazze di coach Piazza al rientro dopo un secondo quarto difficile. È un risultato che vale il settimo posto grazie alla classifica avulsa favorevole con Roma (ottava) e la stessa Sassari (nona), e l’accoppiamento con Schio nei quarti playoff. Ed è inoltre un traguardo che restituisce il giusto valore all’ottima prima metà di campionato delle giallonere, e le premia nonostante un girone di ritorno complicato e sfortunato.
 
1° QUARTO. Prova a partire bene San Martino, con un 5-0 firmato Conte e Arado. Dall’altra parte è Hollingshed da fuori a sbloccare le sarde, che poco dopo ancora con una bomba – firmata stavolta da Raca – trovano anche il sorpasso sul 7-8. Le rispondono Arado e Soule, ma il metro arbitrale è ben poco permissivo e le padrone di casa esauriscono presto il bonus. Si resta così in equilibrio, ma a presentarsi avanti alla prima pausa sono le giallonere, col 2+1 di Vente e il piazzato di Turcinovic che valgono il 18-15.
 
2° QUARTO. Si riparte nel segno di Soule e D’Alie, per il +7 Alama sul 24-17. In quello che sembra il momento migliore per le padrone di casa, tuttavia, la bomba di Carangelo rimette in ritmo l’attacco della Dinamo, che poco dopo impatta a quota 24 con la penetrazione di Joens. La stessa Carangelo (15 punti nella prima metà di gara) è indiavolata, e firma il sorpasso all’interno di un break di 11-0 interrotto da Turcinovic. Ma ora l’inerzia è tutta per le ospiti, brave a salire addirittura a +11 (26-37) con un buon gioco sotto canestro. Nel finale però l’Alama si ritrova un po’, e all’intervallo ci sono due possessi pieni di distacco: 34-40.
 
3° QUARTO. Il tifo prova a trascinare le giallonere, che ripartono forte dopo l’intervallo. Soule suona la carica e produce il -2 (42-44), e poi è Conte a realizzare anche la tripla da sette metri per il controsorpasso sul 45-44. Segue una fase di botta e risposta, in cui si procede punto a punto fino all’appoggio di Vente, che al 28′ fa toccare il +5 alle Lupe: 57-52. Ma è sempre Carangelo (24 punti per lei) a ricucire, e al 30′ il 58-56 a tabellone dice che tutto può ancora succedere.
 
4° QUARTO. Mentre sugli spalti gremiti parte la ola, le Lupe devono temporaneamente rinunciare a Soule (migliore marcatrice delle sue, e una furia a rimbalzo) a causa del suo quarto fallo. Ciononostante San Martino prova ad allungare, con un paio di canestri preziosi di Guarise e D’Alie, che valgono il 64-56. È l’ex Toffolo a riavvicinare il Banco di Sardegna, che poi con Crudo torna per due volte a -2. Le triple di Turcinovic e Russo fanno però esplodere la gioia dei tifosi, e sul 74-68 a 80″ dalla fine sembra di intravedere il traguardo. Risponde però immediatamente Carangelo, e poi Sassari ha anche il possesso per impattare: ma qui arriva un grande recupero con contropiede di D’Alie, per il 76-71 a 30″ dalla sirena. Hollingshed tiene vive le speranze delle sue, ma dalla lunetta la mano di Conte non trema, e sul suo +5 iniziano a scorrere i titoli di coda. Per le Lupe arriva così il quarto di playoff con Schio: gara1 si disputerà mercoledì alle 20 al PalaRomare, gara2 a San Martino di Lupari domenica, sempre alle 20.
 
LE ALTRE PARTITE. Milano-Schio 72-87, Brescia-Sesto San Giovanni 61-64 d1ts, Venezia-Roma 79-55, Battipaglia-Ragusa 91-87 d2ts, Bologna-Campobasso 60-59. Riposa: Faenza.
Classifica: Venezia e Schio 42; Bologna 40; Campobasso e Sesto San Giovanni 34; Ragusa 27; San Martino, Roma e Sassari 20; Brescia 14; Faenza 8; Battipaglia 6; Milano 4.
Playoff: Venezia (1)-Roma (8), Campobasso (4)-Sesto San Giovanni (5), Schio (2)-San Martino (7), Bologna (3)-Ragusa (6).
Play out: Brescia (10)-Milano (13), Faenza (11)-Battipaglia (12).