Alama San Martino – Umana Venezia 55-70

BASKET SAN MARTINO: D’Alie 11 (1/7, 3/5), Guarise (0/2), Tau ne, Conte 7 (2/7, 1/2), Turcinovic 21 (4/6, 3/4), Soule (0/6, 0/2), Pilatone ne, Russo (0/3 da tre), Arado 4 (2/3), Diakhoumpa ne, Vente, Kostowicz 12 (6/13). All. Piazza.
REYER VENEZIA:
Logoh ne, Berkani 13 (3/4, 2/9), Gorini (0/1 da tre), Villa 12 (4/9, 0/1), Nicolodi, Pan 14 (1/1, 4/5), Meldere ne, Makurat, Cubaj 10 (5/6), Fassina 3 (0/1, 1/1), Shepard 10 (4/7), Kuier 8 (1/4, 1/5). All. Dall’Ora.
ARBITRI:
Bartoli di Trieste, Almerigogna di Trieste e Bettini di Faenza (RA).
PARZIALI:
21-22, 32-29, 48-48.
NOTE:
Spettatori 500 circa. Nessuna uscita per 5 falli. Fallo antisportivo: Conte (37′). Tiri da due: San Martino 15/44, Venezia 18/32. Tiri da tre: San Martino 7/16, Venezia 8/22. Tiri liberi: San Martino 4/4, Venezia 10/14. Rimbalzi: San Martino 28 (Kostowicz 7), Venezia 39 (Cubaj 11). Assist: San Martino 12 (D’Alie e Turcinovic 4), Venezia 17 (Berkani 4).

Si chiude con un match pieno di emozioni, come da aspettative della vigilia, il 2023 dell’Alama San Martino. In un palazzetto pieno in ogni ordine di posto per il derby in diretta tv su Rai Sport, le Lupe di coach Piazza danno battaglia alla capolista Reyer. Ma dopo tre quarti in bilico, nei quali le padrone di casa restano avanti per 19′ su 30, l’imbattuta formazione veneziana (arrivata a San Martino di Lupari senza coach Mazzon, influenzato) scappa via nell’ultimo, firmando un 11-0 che a ridosso del finale rende il passivo fin troppo ingeneroso per le giallonere.

1° QUARTO.
Partono subito con coraggio le padrone di casa, sospinte da un pubblico straordinario, e nei primi 3′ non concedono canestri dal campo alle avversarie. Resta comunque in equilibrio il punteggio, con la Reyer che al 5′ trova il primo vantaggio con Shepard (7-8). Le triple di D’Alie e Turcinovic tengono avanti San Martino, prima che nel finale Villa trovi l’entrata per il 21-22 che chiude la prima frazione.

2° QUARTO.
Calano di parecchio le percentuali nel secondo periodo, nel quale l’Alama trova subito il controsorpasso di Arado, ma sarà appena di 4-2 il parziale nei primi 7′. Poi la tripla di Fassina scuote il match, con le Lupe brave a riportarsi subito avanti con Kostowicz e Turcinovic, autrice nel finale della bomba che spariglia l’equilibrio: si va all’intervallo lungo sul 32-29.

3° QUARTO.
La bomba di D’Alie che apre la ripresa vale per la prima volta in tutto l’incontro un vantaggio superiore al singolo possesso (35-29). Venezia però risponde subito, riportandosi a -1 col gioco da tre punti di Shepard. Poi a Kostowicz risponde Villa, e un altro 2+1, a firma Berkani, permette di impattare a quota 39. San Martino resta ancora avanti con Turcinovic, che chiuderà da top scorer del match con 21 punti, ma al 27′ c’è il sorpasso di Shepard (43-45). L’Umana prova anche l’allungo con la tripla di Pan, ma ancora Turcinovic e Arado riequilibrano tutto, e all’ultima pausa c’è perfetta parità sul 48-48.

4° QUARTO.
È il momento decisivo, perché la Reyer riparte con due bombe di Berkani, e le Lupe invece restano sui blocchi. Prova per la prima volta l’allungo la formazione ospite, anche se la tripla di Conte (che le vale il raggiungimento dei 2.000 punti in carriera nelle competizioni LBF) tenta di tenere aperti i giochi, sul 53-59 a 4′ dalla fine. L’Alama però ha finito la benzina, mentre Venezia può vantare ancora piene energie. Questo si traduce nel già citato break di 11-0, che spinge la gara nella direzione della capolista. Per le Lupe il girone di andata si chiude allora in quinta posizione, che diventa però settima (a causa della classifica avulsa sfavorevole con Sesto San Giovanni e Ragusa) nella griglia della Coppa Italia, che partirà già giovedì col primo turno: per San Martino ci sarà la sfida a eliminazione diretta con l’Oxygen Roma, di nuovo in casa.

LE ALTRE PARTITE.
Roma-Sesto San Giovanni 76-65, Ragusa-Faenza 94-64, Schio-Bologna 76-79, Battipaglia-Brescia 51-75, Campobasso-Milano 64-49. Riposa: Sassari.
Classifica: Venezia 22; Schio 20; Bologna e Campobasso 18; Sesto San Giovanni, Ragusa e San Martino 14; Sassari 12; Brescia e Roma 8; Faenza 4; Milano 2; Battipaglia 0.