Giovedì sera c’erano anche il presidente Vittorio Giuriati e il consigliere Paolo Martelli, in rappresentanza dell’AS San Martino (in foto anche con l’Assessore allo Sport di San Martino di Lupari, Stefania Baron), tra gli ospiti del Galà di Premiazione del Grand Prix Città Murata di ciclismo, appuntamento classico dello sport veneto. Un’occasione propizia anche per ricordare al folto pubblico di appassionati la grande sfida di A1 che domenica attende il Fila, in casa nel derby contro la Reyer, nonché l’appuntamento con la Nazionale del prossimo 15 novembre. Da parte della società, grazie ancora per l’invito.
Di seguito il comunicato ufficiale del comitato organizzatore.

 
Appuntamento con il Grande Sport giovedì 26 ottobre al Municipio di Tombolo, ove si svolto il Gala di Premiazione del 16° Trofeo Internazionale Grand Prix Città Murata, condotto da Mario Guerretta di Teleciclismo coadiuvato al cerimoniale da miss Vanessa Zanchin di Abbazia Pisani di Villa del Conte e aperto dalla ammirata giovane soprano di Tombolo Giulia Didonè, che ha poi cantato l’Inno di Mameli per i patrocini istituzionali e sportivi alla manifestazione.
C’è stato lo schieramento della squadra giovanile del Veloce Club Tombolo con una premiazione agli ex-atleti Camilla Alessio (tricolore allievi), Matteo Zorzi (bronzo tricolore allievi), gli juniores Elia Menegale e Filippo Stocco (nel 2018 dilettanti con il team Valcavasia) e il confermato gemellaggio con una speciale premiazione curata da Pierluigi Basso alla AS Cittadella, presente con il presidente Andrea Gabrielli, il vice Giancarlo Pavin, i giocatori Filippo Lora e Agostino Camigliano, felici dopo il vittorioso derby col Venezia e in stretta collaborazione con il VC Tombolo.
Un filmato di Teleciclismo ha riassunto le quattro prestigiose gare elite-under 23: Alta Padovana Tour; Giro del Medio Brenta; GP Poggiana-Riese Pio X; Trofeo Bianchin-Paderno di Ponzano Veneto con i referenti Sergio Pivato, Michele Michielon, Giampietro Bonin, Bonaventura Pizzolon.
Nel gremito pubblico di appassionati, erano presenti autorità, amministratori, ospiti, campioni sportivi, con i saluti e le premiazioni svolte dal sindaco di Tombolo Cristian Andretta, presidente Veloce Club Tombolo Amedeo Pilotto, delegato Coni di Padova Flaviano Buratto, gli assessori allo sport di Cittadella, Castelfranco Veneto, San Martino di Lupari, Diego Galli, Gianluca Didonè, Stefania Baron, il Presidente FCI Padova Giorgio Martin.
Il Grand Prix 2016, presieduto dall’avvocato Enzo Conte con la direzione organizzativa di Pierluigi Basso e consulenza tecnica del direttore sportivo Flavio Miozzo, è stato vinto per la 12^ volta in 16 edizioni dal team di Castelfranco Veneto “Zalf Euromobil Désirée Fior”, con l’applaudito patròn Egidio Fior e il corridore Matteo Zurlo (fratello del professionista Federico), che hanno illustrato la brillante stagione e ricevuto l’omaggio floreale preziosa “Targa Bragagnolo Argenti” di Laghi di Cittadella.
Altro momento-clou sono stati i due annuali Premi Grand Prix Sport-Cultura e Dirigente Sportivo dell’Anno assegnati rispettivamente a Renzo Rosso fondatore di Diesel e presidente del gruppo OTB, ritirato da Werner Seeber direttore generale Bassano Virtus 55 Soccer Team (società acquisita dall’imprenditore tessile nel 1996 e presieduta dal figlio Stefano Rosso e intervenuto assieme alla responsabile marketing-comunicazione Sara Vivian) e a Stefano Zarattini fondatore-presidente della Luparense Football Club Calcio a 5, sei volte tricolore, cinque Supercoppa Italiana, tre Coppa Italia, protagonista nella “Uefa Futsal Cup” (riferimento inoltre del calcio locale con la “FC San Martino Luparense” nel Campionato di Promozione Girone C-Veneto), e noto imprenditore (impegnato nel campo avicolo, viticolo, pioppicolo, immobiliare, farmaceutico) per i valori etico-morali applicati allo sport e spiegando le proprie attività e la gratitudine per il riconoscimento.
Premiazioni quindi per il professionista del team belga Wanty-Groupe Gobert Andrea Pasqualon classe 88 altopianese di Enego, le elite classe 97 della Astana Women Simona Bertizzolo (in tuta Fiamme Oro) e Martina Marchetti e per le Forze dell’Ordine di sostegno alle gare, con l’Ispettore Capo Giovanni Colluto Polstrada-Padova, dr. Gledis Sambugaro Distretto Polizia Locale, m.llo Salvatore Giuliodoro Associazione Nazionale Carabinieri.
Il presidente AS San Martino di Lupari Lupebasket (coi due team femminili Fila e Fanola in Serie A1 e A2), con il dirigente avvocato Paolo Martelli (entrambi provetti ciclisti), ha illustrato il derby Fila San Martino-Umana Reyer Venezia di domenica 29 ottobre e la partita Italia-Croazia di qualificazione europea di mercoledì 15 novembre.
Alla conclusione Pierluigi Basso è stato premiato con una speciale targa dallo storico comitato del Grand Prix, in profonda amicizia stima, per la pluriennale e appassionata attività di organizzatore e promoter sportivo in molteplici discipline.
A seguire nella municipale Sala delle Colonne il brindisi con ospiti e pubblico curato dal Bar Stadio di Cittadella.
Info e fotogallery: fb VeloceCubTombolo.