Alama San Martino – Allianz Geas Sesto San Giovanni 70-75 d1ts

BASKET SAN MARTINO:
Guarise 11 (4/6, 1/1), Tau ne, Conte 9 (2/4, 1/8), Turcinovic 21 (7/12, 1/7), Soule 4 (1/5, 0/2), Pilatone ne, Russo 6 (0/3, 2/4), Arado 2 (1/1), Diakhoumpa ne, Vente 2 (1/3), Kostowicz 15 (5/8). All. Piazza.
GEAS SESTO SAN GIOVANNI: Dotto 2 (1/3, 0/1), Moore 11 (3/7, 1/2), Begic 3 (1/5), Arturi ne, Bestagno (0/3, 0/1), Tava ne, Trucco 15 (3/4, 2/4), Panzera 23 (4/9, 3/5), Ostoni ne, Gwathmey 21 (9/16, 0/2). All. Zanotti.
ARBITRI: Gagliardi di Anagni (FR), Berlangieri di Trezzano sul Naviglio (MI) e Corrias di Cordovado (PN).
PARZIALI: 15-18, 29-35, 47-46, 58-58.
NOTE: Uscite per 5 falli: Soule (36′), Kostowicz (45′), Turcinovic (45′). Fallo tecnico: Zanotti (33′). Tiri da due: San Martino 21/42, Sesto San Giovanni 21/47. Tiri da tre: San Martino 5/22, Sesto San Giovanni 6/15. Tiri liberi: San Martino 13/17, Sesto San Giovanni 15/21. Rimbalzi: San Martino 34 (Turcinovic 9), Sesto San Giovanni 42 (Panzera 11). Assist: San Martino 11 (Kostowicz 7), Sesto San Giovanni 13 (Dotto 4).

Regala tante emozioni la sfida del PalaLupe tra Alama e Allianz. La vincono le ospiti in overtime, ed è un risultato che consente a Sesto San Giovanni di agganciare il quarto posto. Deve alzare invece bandiera bianca una San Martino comunque encomiabile, costretta ad affrontare l’impegno priva di una pedina importante come Rae Lin D’Alie (fermata da un’infezione al ginocchio), ma capace di sfiorare il colpo grosso. Nel supplementare invece la spuntano le ospiti, al termine di una gara bella e piena di emozioni.

1° QUARTO. Provano a partire bene le giallonere, che a parte il canestro iniziale di Panzera tengono sempre il naso avanti nei primi 8′, guidate da un’ispirata Turcinovic: sarà proprio la francese, autrice di 8 dei primi 12 punti gialloneri, a firmare il massimo vantaggio sul 12-7 del 5′. Il Geas, costretto anch’esso a fare a meno di Gina Conti per una caviglia slogata, resta però sempre a contatto: sono Moore e Panzera a firmare prima il pareggio e poi anche il sorpasso, e nel finale Gwathmey risponde sulla sirena a Vente, per il 15-18 della prima pausa.

2° QUARTO. L’assenza di una giocatrice con le caratteristiche di D’Alie si fa sentire nella gestione dei ritmi (a fine gara saranno solo 2 i punti in contropiede delle padrone di casa), e anche la sua sostituta Guarise – lanciata in quintetto e autrice di una bella prova – ogni tanto deve tirare il fiato. Le difficoltà allora si avvertono soprattutto in un secondo quarto in cui spesso, contro la buona difesa ospite, si deve arrivare a un tiro forzato negli ultimi secondi dell’azione. Ne approfittano le lombarde, che con due triple consecutive di Panzera firmano il primo break salendo sul 17-26 del 14′. L’Alama prova a scuotersi con la bomba di Russo, e il finale è un continuo botta e risposta in cui ancora l’ex Gwathmey risponde a tutte: all’intervallo lungo, nonostante la tripla in chiusura di Guarise, il tabellone dice 29-35.

3° QUARTO. È buono però il rientro dagli spogliatoi delle ragazze di coach Piazza, che con un 4-0 della stessa Guarise e di Turcinovic si riportano subito a -2. Una rincorsa che si completa poco dopo col pareggio nel traffico firmato proprio dalla francese, a quota 37. Sale il tifo del pubblico, anche se dall’altra parte Gwathmey è una macchina che quando conta di più non sbaglia mai. È calda però anche Turcinovic, che con un gioco da tre punti (21 per lei alla fine) firma il sorpasso sul 40-39 del 26′, e riporta avanti le sue. Conte firmerà anche il +4 dall’arco, prima della risposta affidata ancora alla portoricana. L’ultimo canestro del quarto lo sigla ancora Guarise, e così sono le padrone di casa a presentarsi avanti al 30′ di un’incollatura: 47-46.

4° QUARTO. A Trucco risponde Russo con una tripla fuori equilibrio allo scadere dei 24″, in avvio di un quarto periodo ancora senza un padrone. San Martino è brava a limitare Moore: 11 punti (gli ultimi al 28′) per la giocatrice che nelle ultime tre gare viaggiava a 26 di media. L’Allianz però può contare su tante altre armi, e una di queste è Panzera, che chiuderà con 23 punti e 11 rimbalzi. È suo e di Gwathmey il 6-0 che replica a Kostowicz, e riporta le ospiti sul +4 (52-56) a 4′ dalla fine. Le padrone di casa però non demordono: Conte e Turcinovic riavvicinano, la difesa tiene e a 44″ dalla sirena Guarise va a realizzare il canestro del 58 pari. Gli ultimi attacchi non vanno, serve il supplementare.

SUPPLEMENTARE. L’Alama si riporta ancora avanti, prima con Kostowicz e poi con Arado, ma dall’altra parte Trucco firma due triple aperte in sequenza che sono pesantissime. Anche perché danno grande fiducia alla giocatrice azzurra, che firmerà ben 11 dei suoi 15 punti nell’extra time. San Martino, che nel frattempo ha perso Soule per falli già nel quarto periodo e di lì a poco per lo stesso motivo dovrà rinunciare anche a Kostowicz e Turcinovic, accusa il colpo. Il Geas ritrova la testa e non la molla più, andandosi a prendere la quarta vittoria su quattro nel girone di ritorno.

LE ALTRE PARTITE. Schio-Sassari 76-62, Milano-Venezia 70-85, Faenza-Bologna 54-76, Ragusa-Campobasso 63-49, Battipaglia-Roma 55-63. Riposa: Brescia.
Classifica: Venezia 30; Bologna e Schio 26; Campobasso e Sesto San Giovanni 22; Ragusa* e San Martino* 16; Roma* e Sassari 12; Brescia* 10; Faenza 8; Milano 4; Battipaglia 0 (*una partita in meno).