Banco di Sardegna Sassari – Alama San Martino 80-98

DINAMO SASSARI:
Raca 33 (7/10, 4/5), Carangelo (0/1, 0/5), Carta ne, Toffolo 13 (1/3, 3/3), Crudo 3 (0/1, 1/2), Kaczmarczyk 5 (0/4), Hollingshed 7 (2/4, 1/4), Joens 14 (5/11, 1/5), Spiga ne, Bebbu ne, Fara ne, Togliani 5 (0/1, 1/2). All. Restivo.
BASKET SAN MARTINO: D’Alie 17 (5/11, 2/5), Guarise 3 (0/1, 1/2), Tau ne, Conte 15 (3/4, 3/4), Turcinovic 18 (6/11, 2/5), Soule 15 (7/11, 0/2), Russo 5 (1/1, 1/2), Arado 2 (1/1), Vente 3 (1/3), Kostowicz 20 (9/13). All. Piazza.
ARBITRI: Centonza di Grottammare (AP), Marzulli di Pisa e Lanciotti di Porto San Giorgio (FM).
PARZIALI: 20-33, 46-53, 60-78.
NOTE: Nessuna uscita per 5 falli. Fallo tecnico: Restivo (10′), Piazza (16′). Tiri da due: Sassari 15/35, San Martino 33/56. Tiri da tre: Sassari 11/26, San Martino 9/20. Tiri liberi: Sassari 17/23, San Martino 5/6. Rimbalzi: Sassari 32 (Raca e Toffolo 7), San Martino 36 (Kostowicz 12). Assist: Sassari 17 (Carangelo 6), San Martino 29 (D’Alie 15).

L’Alama San Martino vince a Sassari e ritrova il sorriso, conquistando due punti preziosi lontano da casa. Le Lupe, nuovamente al completo col rientro di Soule, sfoderano la migliore prestazione offensiva della stagione, sfiorando quota 100 contro un’avversaria che in campionato era reduce da cinque vittorie di fila. Un risultato che permette di salire a 14 punti in classifica, lasciando dietro proprio le sarde, e di confermarsi per il momento in quinta posizione.

1° QUARTO. Si parte con uno 0-4 firmato Conte, trovata bene per due volte sotto canestro, mentre dall’altra parte le padrone di casa si mettono in ritmo con la tripla di Raca. Le percentuali sono subito alte, ed è ancora Raca a impattare a quota 8 dopo 3′. Si scalda intanto Turcinovic, a segno con due canestri in fila per il 10-17, ed è una San Martino che vuole fare corsa di testa: al 7′ con la bomba di Conte sono già 24 i punti delle Lupe, e 9 quelli di vantaggio. Salirà anche a +15 il margine delle ospiti, che chiudono la prima frazione con ben 33 punti a segno e il 58% dal campo.

2° QUARTO. In una gara a così alti ritmi, basta poco tuttavia per ricucire, e sul ritorno a -9 della Dinamo (24-33, con Raca già a quota 17) serve un timeout. Ed è buona l’uscita delle giallonere, brave con Soule e Conte a ritrovare subito le distanze. Si rivede in campo anche Kostowicz dopo i problemi di falli del primo quarto: il suo canestro, unito a quello di Arado, vale il massimo vantaggio del primo tempo sul 27-45 del 14′. A metà secondo quarto l’Alama supera già i punti fatti registrare in totale con Campobasso una settimana fa, ed è brava ancora Kostowicz a rispondere con canestri importanti quando la Dinamo prova a riavvicinarsi. Il finale di tempo tuttavia è tutto per Sassari, caldissima da dietro l’arco dove tira 7/14 nel primo tempo: Toffolo e Raca restituiscono addirittura il -7 (46-53), e all’intervallo è tutto o quasi da rifare per le ospiti.

3° QUARTO. Si riparte subito con la tegola del terzo fallo di Soule, ma dall’altra parte è ossigeno la bomba di Conte, che dal potenziale -3 sardo restituisce invece il +9. Poco dopo D’Alie, già in doppia doppia per punti e assist, firma la tripla del 50-61. San Martino ha ritrovato pazienza ed efficacia in attacco, ma ha anche stretto qualche vite in difesa, e al 26′ col contropiede di Turcinovic ritrova ufficialmente l’allungo sul +17: 52-69. Stavolta la Dinamo, reduce dalla trasferta infrasettimanale di Eurocup, sembra accusare il colpo, anche se le ragazze di Piazza non possono concedersi cali, perché i problemi di falli non vanno sottovalutati: sono già a 4 Conte e Soule, ed è coi liberi che Toffolo ritrova il -13, prima della preziosa bomba di risposta firmata Guarise. All’ultima pausa allora l’Alama è di nuovo al massimo vantaggio, con già 78 punti a tabellone.

4° QUARTO. Russo fa toccare il +21 (62-83 al 33′) all’inizio di un quarto periodo in cui le giallonere controllano senza più rischiare. In un attacco che chiude con cinque giocatrici fra i 20 e i 15 punti, e nel quale si registra la doppia doppia d’ordinanza di Kostowicz (20+12), emerge con forza un altro dato: D’Alie corona una super prova da 17 punti e ben 15 assist facendo segnare anche 10 rimbalzi, per una clamorosa tripla doppia che è la terza in Italia per lei, la prima in A1. Nel finale c’è campo anche per la 2005 Martina Tau, ai suoi primi minuti stagionali nel massimo campionato. Finisce 80-98, con le Lupe che si regalano un bel Natale, in attesa del super derby con Venezia che sabato prossimo al PalaLupe chiuderà il 2023 e il girone d’andata.

LE ALTRE PARTITE. Campobasso-Bologna 54-61, Roma-Venezia 62-73, Ragusa-Battipaglia 78-68, Schio-Milano 84-58, Sesto San Giovanni-Brescia 68-65. Riposa: Faenza.
Classifica: Venezia 22; Schio 20; Bologna e Campobasso 16; San Martino, Ragusa* e Sesto San Giovanni* 14; Sassari* 12; Roma* 8; Brescia 6; Faenza* 4; Milano 2; Battipaglia 0 (*una partita in più).