Essegi San Martino – Eagles Ladies Cussignacco 56-47

LUPE SAN MARTINO:
Pilatone 7, Squizzato 4, Tau 6, Malin 2, Varaldi, Fajardo, Ferraro 2, V. Meggiolaro 8, Diakhoumpa 9, Arado 18. All. Turi.
LIBERTAS CUSSIGNACCO: Muneretto, Toniutti 13, Romanin, Lazzaro, Nazzi, Braida 5, Demarchi 7, Lizzi 18, Zussino 4, Esposito. All. Tomat.
ARBITRI: Zentilin di Pieve del Grappa (TV) e Naletto di Spinea (VE).
PARZIALI: 12-11, 29-19, 41-33.

Missione compiuta per la Essegi, che torna al successo sul parquet di casa e porta il proprio saldo a 7 vittorie nelle ultime 9 gare. Un risultato che vale doppio per le giallonere, che oltre a riportare il proprio record in parità (10-10) riescono anche a ribaltare il -4 dell’andata: un obiettivo importante nell’ottica di un eventuale arrivo a pari punti, visto che ora a dividere le due squadre in classifica ci sono solo due lunghezze.

L’avvio di gara è equilibrato, con le squadre a rispondersi colpo su colpo. Con Tau, Arado e Diakhoumpa, autrici di 4 punti a testa, le giallonere salgono per la prima volta sul +5 (12-7 al 7′), ma nel finale le ospiti ricuciono, e alla prima pausa c’è una sola lunghezza a dividere le due squadre.

All’inizio del secondo periodo si segna poco, e il match resta in equilibrio. Poi si sbloccano le marcature da fuori: Meggiolaro risponde a Toniutti, e poi si ripete dando il via a un break di 10-2, chiuso da due canestri consecutivi di Arado, per il 25-16. All’intervallo lungo saranno 10 i punti di margine delle Lupe, sul 29-19.

Pilatone fa toccare anche il +13 nel terzo quarto, ma dall’altra parte Cussignacco si sblocca con Lizzi, la quale firma 6 punti consecutivi e fa ritrovare il 35-28. È un momento di difficoltà per la squadra di casa, che in attacco non trova più il canestro e vede le avversarie tornare anche a -5. A quel punto sono Arado, Meggiolaro e Malin a sbloccare il punteggio, con un 6-0 che permette di ritrovare margine, anche se è la tripla di tabella firmata sulla sirena da Toniutti a fissare il 41-33 del 30′.

Ora però l’inerzia è tornata dalla parte di San Martino, che con Arado e Squizzato ritrova il +14 al 32′ (47-33). Le Lupe sono brave a tenere in difesa e a conservare il margine in doppia cifra. Col passare dei minuti si inizia anche a pensare alla differenza canestri, ma il vantaggio della squadra di casa è cospicuo, e alla sirena il pubblico può festeggiare.

Le giallonere restano nell’affollatissimo e cortissimo gruppone di centro classifica, ma arrivano in buona salute alla difficile sfida di sabato prossimo sul parquet di Bolzano, terza della classe.