Essegi San Martino – Umana CUS Padova 44-58

LUPE SAN MARTINO:
E. Meggiolaro 2, Squizzato 2, Tau 4, Malin 5, Cossavella 3, Ferraro 12, V. Meggiolaro ne, Cappochin, Diakhoumpa 16. All. Parolin.
CUS PADOVA: Zorat 3, Grimaldi 7, Spirito 11, Alfier 7, Lazzarini ne, Gasparella 5, Del Frate, Bertoldo, Benato 12, Legault 4, Pierini 2, Strujic 7. All. Anselmi.
ARBITRI: Favaro di Giavera del Montello (TV) e Pellizzari di Loria (TV).
PARZIALI: 11-11, 19-26, 33-42.

Stop interno nel derby col Cus Padova per la Essegi, costretta a cedere a un’avversaria in forma (arrivata a 6 vittorie consecutive) dopo una gara comunque combattuta e in equilibrio per tre frazioni su quattro. Si sapeva che non sarebbe stata una serata semplice per le giallonere, che per indisponibilità varie dovevano fare a meno di elementi importanti come Varaldi, Arado, Pilatone, Reschiglian e Valentina Meggiolaro (in panchina solo per onor di firma), oltre ovviamente a coach Marco Turi, in trasferta con la Serie A1 a Battipaglia.

Provano comunque a partire bene le padrone di casa, con 5 punti in fila di Ferraro, e nelle prime battute San Martino resta avanti. Le ospiti si mettono in partita con le straniere Strujic e Legault, che nel finale piazzano il sorpasso sul 9-11, ma due liberi di Diakhoumpa mandano le squadre alla prima pausa in perfetta parità.

Ancora le Lupe iniziano la seconda frazione col naso avanti, grazie ai liberi (15-11 al 12′), ma l’incontro resta sempre in equilibrio. Al 16′ è Benato, ex della sfida, a firmare il nuovo sorpasso sul 15-17, mentre San Martino fa fatica a vedere il canestro, e le ci vogliono quasi 8′ per sbloccarsi anche dal campo. Il Cus aumenta così il vantaggio, e si presenta all’intervallo sul +7: 19-26.

Anche nel terzo periodo la gara resta tirata, fra un botta e risposta lo scarto oscilla sempre fra le 5 e le 8 lunghezze. Le padrone di casa hanno anche un paio di palloni buoni per tornare a -4, ma non li sfruttano, e al 28′ Alfier piazza dall’angolo la tripla che vale per la prima volta la doppia cifra di scarto, sul 29-39.

È un vantaggio che le ospiti sono brave a tenere e incrementare nell’ultima frazione, approfittando anche di una San Martino che a causa della panchina ridotta all’osso è un po’ in debito d’ossigeno, e deve arrendersi alla battuta d’arresto. Nel prossimo weekend le giallonere saranno ferme, verrà rinviata infatti la gara con Venezia per l’impegno delle orogranata alla Finale Nazionale Under 19. Ritorno in campo previsto il 6 aprile, ancora in casa, contro la Ginnastica Triestina.