Essegi San Martino – Sistema Rosa Pordenone 58-73

LUPE SAN MARTINO:
Pilatone 6, E. Meggiolaro 4, Squizzato 5, Tau 18, Malin 6, Varaldi 4, Sa. Ferraro, So. Ferraro, Diakhoumpa 6, Arado 9. All. Turi.
SISTEMA ROSA PORDENONE: Moretti 16, Corgnati, Bomben 4, Valese ne, Casella 11, Ceppellotti 25, Sgubin, Agostini 2, Chukwu 14, Ceschia, Codolo 1. All. Gallini.
ARBITRI: Fusati di Venezia e Pellizzari di Loria (TV).
PARZIALI: 13-20, 28-43, 38-59.

Arriva una sconfitta interna nella prima partita del 2024 per la Essegi, che nel penultimo turno di andata di Serie B è costretta ad alzare bandiera bianca contro Pordenone, quarta della classe e autrice di un’ottima prestazione.

È buona la partenza della formazione di casa, avanti 6-2 dopo poche battute. Le ospiti però si mettono in ritmo, e San Martino raggiunge presto il bonus. Sono tanti dunque i liberi concessi (10 nel solo primo quarto) alle avversarie, che all’8′ provano il primo scatto con Moretti e Ceppellotti, portandosi sul 9-16. Nel finale Bomben risponde a Malin, e al 10′ il tabellone dice 13-20.

Le friulane sono brave ad andarsi a prendere tanti giochi da tre punti, e in avvio di secondo periodo toccano subito il +10 con Casella. Anche in questa frazione ci vogliono meno di 4′ per raggiungere il bonus alle giallonere, e anche se Tau (9 punti nel quarto) e Pilatone provano a sbloccare l’attacco, rimane solido il margine di Pordenone, che all’intervallo conduce 28-43. In casa Lupe, intanto, si registra l’esordio nella categoria di Sofia Ferraro, classe 2007.

La Essegi prova a scuotersi al rientro dagli spogliatoi, ma il Sistema Rosa continua ad arrivare per primo su tutte le palle vaganti, e a giocare in fiducia, mentre alle padrone di casa escono anche i tiri apparentemente più semplici. E così al 28′ il contropiede di Casella vale il +20 sul 36-56.

Nell’ultimo periodo le Lupe non smettono di crederci, e si riavvicinano tornando a -12 sul 56-68. Pordenone però è brava a non abbassare la guardia, e a condurre in porto un successo meritato. In casa giallonera si guarda allora al prossimo impegno: sabato a Sarcedo si chiude l’andata con un importante scontro diretto.