Melsped Padova – Essegi San Martino 47-53

GATTAMELATA PADOVA:
Marcon 9, Ridolfi 5, Pilli 10, Beraldo, Salmaso, Cognolato 8, Boaretto 9, Meneghini, Gambarin, De Marchi ne, Sorrentino 4, Antonello 2. All. Tomei.
LUPE SAN MARTINO: Pilatone 9, Squizzato ne, Tau 6, Malin 2, Varaldi 2, Fajardo, Ferraro 5, V. Meggiolaro 4, Diakhoumpa 4, Arado 21. All. Turi.
ARBITRI: Scandaletti di Padova e Pirro di Cadoneghe (PD).
PARZIALI: 7-17, 23-24, 31-37.

Che magnifica impresa per la Essegi! Nella seconda giornata di ritorno di Serie B la squadra di coach Turi, peraltro priva in cabina di regia di Emma Meggiolaro e Marta Squizzato, si aggiudica il derby sul campo della Gattamelata Padova, capolista e fin qui dominatrice del girone, mai battuta prima di stasera. Una prova superlativa quella delle Lupe, capaci di restare avanti per quasi tutto l’incontro, ad eccezione di un momento nell’ultimo quarto.

Partono subito bene le giallonere, che non concedono canestri dal campo alle avversarie nei primi 4′, e si portano sul 2-7. Coi Arado e Ferraro arriverà anche il 5-11, e subito dopo sul +8 firmato da Diakhoumpa serve un timeout alla panchina di casa. Ma è un primo quarto di altissimo livello per le Lupe, che con la virata di Arado sulla sirena chiudono il primo quarto con un vantaggio in doppia cifra: 7-17.

Rientra in campo con un piglio diverso però la Gattamelata nel secondo periodo, stringendo le maglie difensive e alzando parecchio le percentuali in attacco: le triple di Boaretto e Ridolfi permettono di ritrovare in un attimo il -1, e poco dopo ancora una scatenata Boaretto infila sempre da fuori il pareggio a quota 19. Brave le Lupe a reagire e a restare avanti con Tau, anche se all’intervallo lungo a dividere le due formazioni c’è un solo punto: 23-24.

Si riparte con la tripla di Pilatone e il canestro di potenza firmato Arado, per il nuovo +6 sul 23-29. Si segna poco, e in particolare sono le padrone di casa a trovarsi di nuovo in difficoltà: i primi punti del quarto arriveranno solo dopo quasi 8′. Nel frattempo San Martino, con altri due canestri di Arado, aveva ritrovato il +10 (23-33), margine che comunque è tutt’altro che risolutivo. Basta una fiammata infatti per vedere la Melsped tornare a -4, prima che Ferraro fissi il 31-37 del 30′.

In avvio di quarto periodo una palla persa viene tramutata da Pilli nella tripla del -3, ed è un canestro che cambia l’inerzia, restituendo fiducia alle padrone di casa. A 6′ dalla fine arriva così il sorpasso della stessa Pilli (38-37), ed è anche il primo vantaggio di tutto l’incontro per la capolista. Sfruttando l’onda il Gattamelata si porta sul 43-39, ma nel momento più difficile Arado e Pilatone danno una scossa, con un 6-0 che permette di ritrovare la testa a 2′ dalla fine (43-45). Poi la stessa Pilatone firma la tripla del +5 a 83″ dalla fine, e le giallonere vedono il traguardo. Anche perché la difesa tiene, e col tempo che scarseggia la Melsped deve ricorrere al fallo sistematico, ma la mano non trema.

Arriva così il quinto successo nelle ultime sei gare, sicuramente il più bello e inatteso, ma allo stesso tempo meritato. Una marcia che le giallonere proveranno a prolungare la prossima settimana nello scontro diretto casalingo con Junior San Marco, in programma eccezionalmente di domenica alle 19.