Essegi San Martino – Polisportiva Casarsa 67-61

LUPE SAN MARTINO:
Pilatone 7, E. Meggiolaro, Squizzato, Tau 9, Malin 5, Varaldi 14, Reschiglian 10, Ferraro 5, V. Meggiolaro, Diakhoumpa 17, Arado ne. All. Turi.
POLISPORTIVA CASARSA: Beltrame 5, Gigante ne, Moretto 2, Boufrou 2, Furlan 9, Serena 13, De Marchi 3, Devetta 9, Rizzotti ne, Del Ben 14, Iob 4. All. Pozzan.
ARBITRI: Chignola di Villafranca (VR) e Baldo di Albaredo d’Adige (VR).
PARZIALI: 16-18, 29-32, 53-43.

Successo preziosissimo per la Essegi nel 22° turno di Serie B. Le Lupe sfruttano il fattore campo nello scontro diretto con Casarsa, per salire a +2 in classifica e ribaltare anche la differenza canestri: nel finale infatti, dopo 40′ pieni di cambi d’inerzia, le Lupe riescono a conservare il margine per rovesciare il -5 dell’andata, e trovare un risultato che vale doppio.

Provano a partire bene le giallonere, con Tau a ispirare l’8-3 del 4′ con un paio di bei canestri. Raggiunge presto il bonus la Essegi, che però fa circolare bene la palla in attacco, trovando ottime soluzioni per Diakhoupa e Varaldi: al 7′ il vantaggio sale sul 12-5. Dopo aver toccato anche il +9, però, le padrone di casa subiscono un controbreak nel finale di quarto: è Serena a propiziare l’11-0 che vale addirittura il sorpasso, con la tripla a fil di sirena di De Marchi per il 16-18.

San Martino si sblocca in avvio di seconda frazione, trovando il controsorpasso con Reschiglian e Diakhoumpa. Rispetto all’avvio di gara, però, l’attacco ospite riesce meglio a trovare gli spazi per andare a canestro: Dal Ben e Varaldi si rispondono, e la gara prosegue punto a punto. Si rivede intanto Emma Meggiolaro sul parquet dopo diverse gare out per infortunio, ma ancora i falli sono un problema per le Lupe, con coach Turi costretto spesso a cambi obbligati. All’intervallo lungo c’è un possesso pieno a dividere le due squadre, sul 29-32.

L’equilibrio regna sovrano anche nel terzo periodo, con le ospiti che per prime provano ad allungare sul +6 (31-37), e San Martino brava a rientrare: al 25′ Reschiglian ruba e firma il 37-37, e subito dopo Varaldi la imita per il nuovo sorpasso. Ora l’inerzia è tornata dalla parte delle Lupe, che prolungano il parziale fino a 12-0 con Diakhoumpa (43-37), e poi continuando a trovare buone soluzioni da sotto salgono a +10 con Varaldi, autrice del 49-39 al 28′.

L’ultima frazione inizia proprio con 10 lunghezze di scarto, e tra un botta e risposta è un margine che rimane pressoché costante per diversi minuti. A 3′ dalla fine però Casarsa trova un paio di bombe frontali con Devetta e Furlan, per il 62-57. Un minuto dopo è Pilatone a rispondere sempre dall’arco, con l’importante tripla del 67-57. Si inizia a guardare anche alla differenza canestri, e nonostante la tripla del -6 di Serena, non c’è più tempo per tentare un’ultima preghiera, finisce 67-61 e le padrone di casa possono festeggiare.