Come annunciato dalla Virtus Bologna in mattinata, nella stagione 2021/22 Francesca Pasa giocherà con la maglia della Segafredo. L’ambiziosa società emiliana ha infatti esercitato il pagamento del buyout previsto nel contratto della giocatrice, che era in essere anche per il prossimo campionato.
 
Si conclude dunque dopo tre stagioni l’esperienza della play classe 2000 a San Martino di Lupari. Tre anni in cui, grazie anche al lavoro degli allenatori, dello staff, al sostegno delle compagne e di una società che ha creduto in lei fin dal primo momento, Francesca ha saputo sfruttare al meglio le opportunità che le si sono presentate. Attraverso una crescita costante, resa possibile anche dal doppio impegno di A1 e A2 con Fila e Fanola, questo percorso l’ha portata nell’ultimo anno a giocare da titolare nella massima serie, e fino alle porte della Nazionale senior.
 
Un cammino di cui andiamo orgogliosi, e che ci auguriamo possa proseguire nel migliore dei modi in questa nuova avventura, per la quale le facciamo un sincero in bocca al lupo.
 
Queste le parole di saluto di Francesca: «Ci tengo a ringraziare tutta la famiglia Lupebasket, a partire dal Presidente Giuriati che mi ha fortemente voluta qualche anno fa, insieme ad Enrico Valentini che mi ha dato l’opportunità di entrare nel panorama nazionale, facendomi giocare in A2 e credendo fin da subito in me. Larry Abignente poi ha visto in me delle potenzialità che io stessa pensavo di non avere, e mi ha fatta crescere tanto cestisticamente, portandomi ad avere alla fine sempre più fiducia nei miei mezzi. Posso dire di essere cresciuta anche umanamente, di aver imparato a rapportarmi con le persone più grandi me, con i tifosi che sono sempre stati dei supporter fantastici. Posso solo dire grazie per tutto ciò che questa società mi ha lasciato, e che porterò sempre con me. Penso che San Martino per me sia stata un trampolino di lancio incredibile, e sarò sempre grata a questo ambiente. Ho avuto la fortuna di trovare sempre delle compagne di squadra fantastiche, che mi hanno sopportata in qualsiasi momento di difficoltà, e anche supportata nei momenti migliori. So che una grande parte della giocatrice che sono è merito delle Lupe, e porterò con me ogni singola persona e gioia di questo posto. Grazie a tutti».